» Bassa modenese, Lavoro » Sindacati su tessile-abbigliamento, laboratori cinesi e lavoro nero

Sindacati su tessile-abbigliamento, laboratori cinesi e lavoro nero


I recenti episodi di laboratori tessili nella Bassa Modenese e a Castelfranco scoperti dalle forze dell’ordine dove lavoravano numerosi
lavoratori immigrati clandestini, completamente in nero ed in condizioni di vita e lavoro disumane, ripropongono con forza il problema del lavoro illegale nella nostra provincia e nel settore del tessile abbigliamento in particolare in alcune aree.


Un fenomeno più volte sottolineato dal sindacato, che minaccia posti di lavoro regolari e tutelati, mette in difficoltà, fino alla chiusura per fallimento, le piccole imprese con una attività trasparente, alimenta una criminalità diffusa che attenta alla sicurezza dei cittadini, favorisce la diffusione di merce oltre che illegale non sicura.
Il fenomeno è preoccupante per l’ampiezza che ha assunto, riguarda vari settori produttivi e non può essere affrontato esclusivamente sul versante
repressivo per quanto efficace.

Femca/Cisl, Filtea/Cgil e Ulta/Uil provinciali ritengono necessaria un’opera di contrasto che inizi dalle aziende che esercitano la
committenza verso questi laboratori.
Questi laboratori ricevono ordinativi da aziende regolari, anche locali, che di fronte a episodi come quelli degli ultimi giorni, si giustificano
dicendo “noi non potevamo sapere”.
Nella filiera produttiva, nei meccanismi di decentramento si determinano situazioni di illegalità ed evasione fiscale e contributiva che devono vedere in prima linea, nell’azione di contrasto, le aziende committenti e le loro associazioni.
Occorre abbinare alla fase repressiva/sanzionatoria anche quella preventiva
attraverso una maggiore assunzione di responsabilità di imprese ed associazioni imprenditoriali attraverso comportamenti etici e sociali ormai indispensabili per una corretta competizione, una filiera produttiva
trasparente, per la sicurezza e un effettivo controllo del territorio.

Femca/Cisl, Filtea/Cgil e Ulta/Uil di Modena ritengono quindi necessario ed urgente che riprenda un confronto tra Organizzazioni sindacali, Associazioni imprenditoriali, Istituzioni per discutere e condividere
analisi e interventi sul problema.





Linea Radio Multimedia srl - P.Iva 02556210363 - Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.it - Reg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 - Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
• Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2019 · RSS ·
33 query in 0,757 secondi