Home Attualita' Bologna: dall’1/11 chiude ”Il Domani”

Bologna: dall’1/11 chiude ”Il Domani”







La società editrice del ‘il Domani’ di Bologna ha comunicato oggi alle rappresentanze dei lavoratori che dall’1 novembre prossimo i giornalisti e i poligrafici non saranno piu’ al lavoro. Da quel giorno, infatti, l’azienda ha deciso di cessare le pubblicazioni.

Lo annuncia una nota sindacale, nella quale si fa sapere anche che Fnsi, Aser, Cdr, Cgil-Slc, Rsa, alla luce di questa comunicazione, hanno deciso di chiedere l’attivazione urgentissima del tavolo di crisi istituzionale per poter scongiurare questa drammatica prospettiva.


L’impegno del
Sindacato dei giornalisti sara’ quello di suscitare la massima attenzione affinche’ la pubblicazione possa di nuovo tornare in edicola e non far mancare un importante punto di riferimento per la realta’ regionale – si legge in una nota – Servono risorse nuove per riaprire i rubinetti del credito e per tutelare l’occupazione giornalistica ma, ovviamente, le notizie sui pesanti tagli all’editoria, che l’esecutivo ha messo in cantiere, non sembrano aiutare le vere iniziative editoriali come il Domani di Bologna. La Fnsi e l’Aser sono impegnate a ricercare tutto cio’ che sia necessario per la continuazione delle pubblicazioni e per sostenere qualsiasi intervento di socialita’ fosse necessario”.


“Bisogna fare ogni sforzo per
evitare che ‘Il Domani’ chiuda” è invece l’appello del sindaco di Bologna Sergio Cofferati. “Un giornale -prosegue Cofferati- e’ luogo di confronto di idee, di dibattito e approfondimento culturale, dunque parte integrante del tessuto democratico della citta’ e non importa se piccolo o grande, per questo e’ sempre necessario difendere l’autonomia dei giornali e aiutarli a sopravvivere”.