Home Formigine Formigine, Giacobazzi (PDL): Le frazioni ribelli!

Formigine, Giacobazzi (PDL): Le frazioni ribelli!







pdlLe nomine alla carica di presidente di frazione “spacchettano” la maggioranza. Era scontato che la maggioranza avrebbe cercato di fare sua la presidenza dei consigli di frazione ma non era scontato che il risultati ottenuti mettevano in evidenza le reali debolezze di un Partito Democratico che ormai, anche da noi come a livello nazionale, è alla resa dei conti.

Al volersi prendere tutto, visto che in alcune frazioni si sono appropriati di presidente e vice con l’umiliante strumentalizzazione delle associazioni sportive, sorprende di non aver raggiunto lo scopo in alcune frazioni.

Se nel primo caso hanno dimostrato che non vogliono condividere la poltrona, dall’altra hanno confermato che l’arroganza, mai premiata di una politica “personale” di sinistra, è affare di pochi.

Alla guida del capoluogo è stato preferito il Verde Paolo Fontana, emarginato dalla nuova amministrazione e nella frazione di Magreta Dino Messori che milita nelle file dell’Italia dei Valori ma che non era espressione del partito maggiore di governo.

In entrambi i casi, gli unici, alla vicepresidenza sono stati preferiti due sostenitori del Popolo della Libertà, rispettivamente la Roberta Baruffi e Renzo Compagnoni.

La maggioranza scricchiola e al suo interno qualcosa barcolla, l’equilibrio partecipativo dei gruppi alla gestione della cosa pubblica non si regge più come all’indomani del 7 giugno, si ribella alla politica personale del Sindaco e presenta le sue richieste, già contenute nel programma elettorale, ormai troppo evidenti che mettono a nudo la debolezza di un gruppo amalgamato solo per fare, allora, risultato.

Nell’augurarci quindi che i risultati ottenuti siano una garanzia di governo locale, con pretese fondate e nell’interesse dei cittadini, statene certi, il nostro contributo è scontato.

(Valerio Giacobazzi capolista del gruppo politico“Il Popolo della Libertà”)