» Modena, Politica, Sassuolo, Trasporti » Trasporto pubblico, Severi (PDL): “CDA Seta autodecimato. La società rischia già di andare a sbattere”

Trasporto pubblico, Severi (PDL): “CDA Seta autodecimato. La società rischia già di andare a sbattere”

“La notizia, appresa a mezzo stampa, delle dimissioni dell’amministratore delegato Claudio Ferrari e di Laurence Le Blanc, che rappresentano i soci privati della società Seta, e che coprono due dei 5 posti del consiglio di amministrazione di Seta, confermano due cose: la fondatezza dei timori sul futuro della società che gestisce il trasporto pubblico locale nella provincia di Modena e le nostre perplessità, da subito avanzate, rispetto ad una fusione affrettata e motivata da ragioni che appaiono sempre più lontane dagli interessi del nostro bacino provinciale”. Lo ha affermato il Consigliere provinciale del PDL Claudia Severi. I nodi legati alla mancanza di chiarezza sul piano industriale, sulla governance sui servizi e su un piano di rilancio necessario al trasporto pubblico, e che motivarono la nostra contrarietà alla fusione, giungono al pettine. Seta è il frutto di una serie di scelte sbagliate e affrettate degli enti locali e della provincia che, a differenza nostra, hanno votato a scatola chiusa senza nemmeno imporre la presenza di un supervisore che esaminasse i conti prima che il Piano venisse approvato.

Modena ha pagato a caro prezzo la fusione in una società che sembra nata male, figlia di una astratta ideologia sulle economie di scala, e come conferma la cronaca, proseguita peggio (se a giugno il buco e già di 3 milioni di euro a dicembre è ragionevole che sia più alto ancora), che non fornisce garanzie nemmeno ai propri soci privati che preferiscono minacciare di abbandonare la nave prima che affondi, motivando che gli enti locali non rispettano gli accordi.

Viene quindi preteso che Modena concorra a pagare i debiti di Seta tagliando ancora Km ,aumentando contemporaneamente le tariffe, e continuando però a versare non solo lo stesso ammontare che gli Enti locali erogavano per i Km di prima (il costo del servizio non è coperto solo dal prezzo del biglietto ma è principalmente ricavato dalla fiscalità generale), ma anche nuovi soldi freschi.

Ora il Presidente della provincia Sabattini che cosa ha da dire sulla questione? Ritengo opportuno ed urgente l’apertura di una discussione di merito e di verifica sull’operato di Seta, sul suo funzionamento, sui dati di bilancio e soprattutto sul futuro. L’ho detto e continuerò a ripeterlo in tutte le sedi.

Ricordo che la nostra Provincia si è presentata al matrimonio con Tempi di Piacenza e ATC di Reggio, consapevole di portare ATCM con un bilancio che a suon di sacrifici aveva raggiunto finalmente il pareggio (Modena aveva le tariffe più alte e tagliato 700.000 Km), con dipendenti con ore di lavoro in più rispetto alle altre Provincie e, a differenza degli altri, con una dote di ben 2 milioni di Euro che ha lasciato nelle casse di SETA per futuri investimenti .

Vogliamo impedire che la mancanza di una governance adeguata si traduca in ulteriori sacrifici per i territori e per l’utenza locale, già chiamata non solo a subire continui disservizi ma anche colpita da un costo sempre più alto di biglietti e abbonamenti a fronte di un calo di KM offerti. O si cambia registro, o il trasporto pubblico modenese e regionale rischia di finire nel baratro. Le risposte non possono attendere”.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • OkNotizie
  • Segnalo
  • Pinterest
  • Add to favorites
  • Email
  • Print

2 commenti

  1. Elena scrive:

    Non si potrebbe annullare tutto e tornare indietro? Chi non riesce a tenere i conti in pari fallisca e ricominci, ma così non funziona proprio.

    • annav71z26 scrive:

      Buongiorno ! Ha ragione e speriamo facciano in fretta, tutto ciò mi sembra una subdola manovra dei comuni più grossi per obbligarci a usare l’auto e farci pagare i loro parcheggi . Cordiali saluti




Linea Radio Multimedia srl - P.Iva 02556210363 - Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Supplemento al quotidiano Sassuolo2000.it - Reg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 - Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Sassuolo 2000 è associata Anso (Associazione Nazionale Stampa Online)
• Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2012 · RSS ·
16 query in 0,459 secondi