» Formigine, Modena, Vignola » “Passa la parola”, sabato si parte

“Passa la parola”, sabato si parte


Sei Comuni coinvolti per 16 giorni di Festival, più di 70 eventi tutti gratuiti tra incontri, letture, racconti, approfondimenti, laboratori, più di 17.000 presenze previste: alla settima edizione di Passa la Parola – presentata anche al Salone del Libro di Torino ed inaugurata con un’anteprima a maggio su Castelfranco Emilia e Vignola – partecipano oltre 80 tra autori, artisti, illustratori, di case editrici piccole e grandi, con la presenza di Premi Andersen e Premi Strega: Sonia Maria Luce Possentini Premio Andersen 2017 miglior illustratore; Matthieu Maudet Premio Nati per Leggere 2017; Davide Morosinotto Premio Andersen 2017 con il libro “Il Rinomato Catalogo Walker & Dawn”; Gaia Guasti e Guido Quarzo finalisti Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2°edizione (2017); Rotraut Susanne Berner Premio Internazionale Hans Christian Andersen 2016.

E’ più ricco che mai il programma di Passa la Parola – 7° Festival della Lettura per Ragazzi organizzato e ideato da Centro sportivo italiano comitato provinciale di Modena e dalla libreria  per ragazzi di Vignola “Castello di Carta” con il patrocinio del Comune di Modena e il contributo dei Comuni di Castelfranco Emilia, Vignola, Modena, Formigine, Spilamberto e Castelvetro di Modena, sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura. Incontri, letture, laboratori, spettacoli e mostre – iniziative tutte gratuite – danno vita a questa manifestazione itinerante: a Formigine dal 15 al 17 settembre come apertura, a Modena dal 20 al 24 settembre, a Spilamberto il 30 settembre e a Castelvetro di Modena l’1 ottobre.

“Sembra un gioco di parole, ma Passa la Parola – spiegano le libraie Milena Minelli e Sara Tarabusi, direttrici artistiche del Festival – è veramente un Festival dalla natura itinerante: così si è sviluppato nel tempo, un progetto che regala ad ogni comune un’esperienza unica di lettura. Crediamo nell’educazione alla lettura e nella cultura del libro. Noi cerchiamo di diffondere un modo di lavorare partendo dal nostro essere librai indipendenti per ragazzi, appassionati e qualificati. Il Festival ci sta a cuore! Voci diverse che rappresentano per noi la bellezza e la ricchezza della letteratura per ragazzi. Passa la Parola quest’anno vuole sostenere, in particolare, che la fantasia porta fortuna: leggere per tornare a immaginare, tra illustrazione, fumetto, arte, teatro, racconti, poesia e romanzi”. Soddisfatto di questa settima edizione il vicepresidente Csi Modena Raffaele Della Casa: “Passa la Parola è ormai nel nostro dna e la cosa che più ci fa piacere è che è entrato nel dna dei modenesi e non solo. Quest’anno, dopo aver dedicato il Festival negli anni scorsi all’importanza del linguaggio e ai sogni coi personaggi delle favole, ci siamo soffermati sulla figura del maestro, dell’educatore, persone ai quali affidiamo I nostri figli. È un tema universale, che unisce scuola, sport, cultura, ambiti nei quali ci stiamo impegnando da anni. E dove sempre mettiamo al centro la figura dell’educatore per sottolineare quei valori dei quali ci facciamo noi stessi promotori”.

 

LA DICHIARAZIONI DEGLI ASSESSORI ALLA CULTURA PER I COMUNI COINVOLTI

Gianpietro Cavazza, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Modena: “Nel salutare con grande piacere il ritorno di Passa la Parola ringrazio gli organizzatori per la scelta di affiancare un ampio spazio di riflessione sulla figura dell’educatore, alla provata magia di saper avvicinare alla lettura ragazzi e ragazze anche con gioco e divertimento. La straordinaria esperienza di Don Milani, concreta e quotidiana al di là dell’elaborazione teorica, continua a dirci del senso pieno e vitale della scuola. Il ruolo di educatore del priore di Barbiana, sottolineato da Papa Francesco, ci insegna ad allargare lo sguardo e l’impegno della scuola agli aspetti relazionali tra persone e di rapporto con la realtà fuori dalle aule. Non si può parlare davvero di scuola oggi, senza tener conto della Scuola di Barbiana”.

Come per l’avamprima del Festival che si è tenuto a maggio a Castelfranco Emilia e a Vignola, è grazie al patrocinio del Comune di Modena e al contributo dei Comuni di Formigine, Spilamberto e Castelvetro di Modena se oggi è possibile realizzare questa settima edizione di Passa la Parola. Ecco le dichiarazioni degli assessori alla Cultura dei rispettivi Comuni.

Mario Natalino Agati, assessore alla Cultura del Comune di Formigine: “Pensando a Passa la Parola mi vengono in mente quattro termini: parola, lettura, sport, luogo. Parola, perché in un momento dove sui social, e non solo, si spendono parole vuote, leggere è un modo per ridare significato, profondità e bellezza al nostro discorrere. Poi, leggere è ancora il modo migliore per perdere tempo nell’immediato e recuperarlo con gli interessi nel futuro: chi legge vive più vite. Sport, perché è un Festival fatto in collaborazione con il CSI e con la cultura si coltiva la mente anche per educare il corpo. Infine, la bellezza dei luoghi dove alberga il Festival amplifica la dimensione estetica del nostro vivere. Dunque un Festival che distribuisce cibo per la mente, per il corpo e per l’anima: una sintesi perfetta”.

Simonetta Munari, assessore alla Cultura del Comune di Spilamberto: “Sono davvero contenta che da quest’anno il Comune di Spilamberto sia entrato a far parte del Festival Passa la Parola uno degli eventi più importanti a livello provinciale che promuove la letteratura per ragazzi. L’obiettivo è quello di portare le giovani generazioni ad amare la lettura. Leggere significa sognare, viaggiare con il pensiero, significa acquisire sensibilità e riuscire ad andare lontani con la fantasia, significa saper guardare la realtà con occhi nuovi. I giovani lettori di oggi saranno adulti capaci di andare al di là della superficie, capaci di ascoltare e costruire”.

Giorgia Mezzacqui, assessore alla Cultura del Comune di Castelvetro di Modena: “Sin dalla nostra infanzia i libri contribuiscono a formare la nostra essenza, il nostro vissuto e il nostro crescere consapevolmente nel mondo e nel presente. Leggere è un pensiero che diventa immagine, narrazione e realtà. Sin dai primi anni di vita attraverso le pagine cartonate di un libro. Questo Festival offre a tutti – genitori e figli – la possibilità di entrare in questo mondo, acquisire nuovi strumenti e conoscenze. Sviluppare la capacità di scelta di libri formativi, utili e non banali. La bellezza della condivisione di un momento di crescita. Perché quando un bambino ed un adulto leggono insieme, crescono entrambi. Il mio ringraziamento sincero va quindi a CSI Modena e Libreria Il Castello di Carta che ci hanno accolti per il secondo anno nella loro bellissima famiglia e alle operatrici della nostra Biblioteca Comunale che con passione ed entusiasmo stanno lavorando a questa pregevole iniziativa”.

 

DA DON MILANI A RODARI: IL MAESTRO GUIDA   PASSA LA PAROLA

E’ il “maestro giusto”, come lo chiamerebbe Gianni Rodari, il punto di riferimento, la “chiave di lettura” della settima edizione di Passa la Parola, un Festival che quest’anno ha a cuore il tema dell’educazione scolastica attraverso l’importantissima figura del maestro, e che vuole dare uno sguardo attento alla letteratura per ragazzi senza tralasciarne alcun aspetto, per condurre ciascuno dei partecipanti all’interno di un meraviglioso mondo fatto di libri.

Il “primo maestro” che incontriamo al Festival è Don Milani, raccontato dallo scrittore e illustratore Fabrizio Silei – Premio Andersen 2014 come miglior autore –  nell’albo illustrato “IL MAESTRO” (ed. Orecchio Acerbo) domenica 17 settembre alle ore 18 presso il Parco della Biblioteca Comunale di Formigine (MO). Il libro, dedicato ai bambini dagli 8 anni, racconta l’esperienza della scuola di Barbiana di don Milani nei cinquant’anni da quando ci ha lasciato, attraverso la voce narrante di un ragazzino che in quella scuola è cresciuto. E’ dedicato a chi crede che una scuola diversa sia ancora possibile, per imparare a far valere i diritti dei più deboli, per discutere di educazione ed educatori, per conoscere una straordinaria esperienza del nostro Paese.

Due grandi maestri che hanno cambiato il modo di considerare la scuola e l’educazione, Mario Lodi e Don Milani, saranno al centro dell’appuntamento di giovedì 21 settembre a Modena “L’ARTE DELLO SCRIVERE” dalle 17 alle 19 presso la Biblioteca Delfini in occasione della conferenza guidata Cosetta Lodi e Pino Boero, per ripercorrere il “carteggio tra Lodi e Milani” attraverso questo volume dedicato al profilo di due insegnanti che mai hanno smesso di imparare dai loro scolari.

Chi è il vostro maestro? Il Festival promuove in tutte le sue tappe l’iniziativa “Un maestro come te”: ai partecipanti grandi e piccini verrà consegnata una cartolina dove “raccontare” attraverso disegni, parole, fotografie, la propria idea di maestro inteso come figura importante incontrata nel corso della propria vita di studenti, bambini o adulti. Gli elaborati saranno poi inseriti nella nostra mostra “in progress” sul Maestro che accompagnerà tutte le tappe di questa settima edizione di “Passa La Parola”, e sul sito www.passalaparola.it.

“LETTERE DI UN CATTIVO STUDENTE” (ed. Camelozampa) è il nuovo libro di Gaia Guasti, che “con finezza e parole toccanti dà voce a chi vive la scuola come un problema insormontabile e offre un delicato incoraggiamento, perché non c’è da vergognarsi a chiedere un po’ d’aiuto: la scrittrice presenterà il suo libro (realizzato a 50 anni dall’uscita di “Lettera a una professoressa” scritto da don Lorenzo Milani e dagli alunni della scuola di Barbiana) sabato 30 settembre a Spilamberto in occasione dell’incontro con le classi II, III della Scuola secondaria di primo grado presso la Corte d’Onore della Rocca Rangoni, alle 11.30. Da Don Milani a Gianni Rodari: in omaggio allo scrittore e pedagogista, gli autori Beatrice Masini e Bernard Friot domenica 1 ottobre alle ore 18 al Castello di Levizzano a Castelvetro di Modena presentano il libro “SETTE E UNO” (Einaudi Ragazzi). Un libro che, a più di cinquant’anni di distanza dal testo originale di Gianni Rodari, ne rivisita il contenuto attraverso la voce di sette autori per continuare a parlare dell’infanzia di oggi, del nostro contemporaneo visto attraverso gli occhi dei bambini, per continuare a giocare con le parole.

 

Il PROGRAMMA

L’inaugurazione del Festival è affidata a Francois Roca e Fred Bernard, due grandi artisti che quest’anno si incontrano per celebrare una collaborazione ventennale: a Formigine, sabato 16 settembre alle ore 17 presso il Parco della Biblioteca Comunale, il pubblico (da 7 a 107 anni) potrà assistere a narrazioni fantastiche e immagini strepitose in occasione di “ALBI STRAORDINARI: AUTOMI, FANTASMI … E UN UOMO BONSAI”: nell’ultima loro creazione la prosa avvincente e raffinata di Fred Bernard si unisce alle splendide immagini di François Roca che ancora una volta dà prova di grande maestria nella resa plastica dei corpi e nell’utilizzo di luci e ombre. Nei suoi romanzi spesso i protagonisti sono giovanissimi, l’ultimo, Pusher (Einaudi Ragazzi), uscirà nelle librerie il 12 settembre: Antonio Ferrara ritorna al Festival sabato 16 settembre alle ore 18 a Formigine, presso il Parco della Biblioteca Comunale. Questa volta Antonio presenterà “Casa Lampedusa” (Einaudi Ragazzi), insieme ad altre storie: un libro che racconta il tema dell’accoglienza visto con gli occhi di un ragazzo di Lampedusa. Premio Andersen 2017 come miglior illustratore, Sonia Maria Luce Possentini domenica 17 settembre alle ore 17 presso il Parco della Biblioteca Comunale di Formigine terrà un laboratorio sulla luce, su prenotazione (dal 1 settembre al numero 059 416356).

Partecipano all’edizione modenese di Festival i due affermati scrittori Fabio Geda e Nadia Terranova, giovedì 21 settembre alle ore 19 presso il Chiostro della biblioteca Delfini con un evento dedicato ad adulti, adolescenti, insegnanti, bibliotecari, genitori ed appassionati. “ADOLESCENTI: ANIME SCALZE” è il titolo di questo appuntamento che parlerà della fatica e della meraviglia di cercare un posto nel mondo. Passa la Parola ospita lo scrittore Guido Sgardoli, che insieme alla giornalista e scrittrice Zita Dazzi venerdì 22 settembre alle ore 18.30 in piazza Mazzini sarà intervistato dai ragazzi del gruppo di lettura “Mare di Libri” dal Festival dei Ragazzi che Leggono di Rimini. Evento clou della giornata di venerdì 22, la “NOTTE IN BIBLIOTECA” dedicata a bambini e bambine da 8 a 12 anni, che accompagnati dall’attrice e libraia Sara Tarabusi potranno divertirsi in questo viaggio al buio tra libri e scaffali, là dove le storie di paura prendono vita (dalle 21 alle 22.30, su prenotazione dal 12 settembre al numero 059 2032940). Sabato 23 settembre l’illustratrice Rotraut Susanne Berner, Premio Internazionale Hans Christian Andersen 2016, alle 10 in piazza Mazzini terrà una piccola lezione sull’illustrazione e il fumetto, per poi tornare alle ore 18 sempre in piazza assieme ad Andrea Valente con un incontro dedicato alle fiabe e ai personaggi dei fratelli Grimm. Un altro ospite internazionale, per la prima volta al Festival, è Matthieu Maudet, Premio Nati per Leggere 2017, che sabato 23 settembre alle 17 in Piazza Mazzini terrà una performance artistica alla scoperta del mondo. Sulle tracce di David Bowie: un po’ racconto fantastico, un po’ viaggio biografico con Federica Iacobelli e il suo “NEL PAESE DI MISTER COLTELLO” (Les Mots Libres), appuntamento alle 18 alla Biblioteca Delfini per ripercorrere storie di musica, amore e riscatto tra volti illustrati e incontri visionari. Un altro Premio Andersen 2017, Davide Morosinotto (miglior libro) partecipa a Modena con una storia di coraggio, “PEPPINOIMPASTATOVITTIMADIMAFIA” per raccontare ai ragazzi, a partire dai 9 anni, le storie di persone che hanno deciso di impegnarsi attivamente per rendere il posto dove abitiamo un po’ migliore: sabato 23 settembre alle ore 19 in Piazza Mazzini, in compagnia di Stefano Ascari. Evento atteso di sabato 23, alle 21 nel Chiostro della Biblioteca Delfini, sarà quello con Gek Tessaro che ritorna al Festival dopo tre anni per portare lo spettacolo di teatro disegnato  “DIMODOCHE’”. Bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni sono invitati a partecipare domenica 24 settembre alle 17.30 in piazza Mazzini in occasione di “PAPA’ GUGOL?”, con gli scrittori Paolo di Paolo, Michela Monferrini e il preside delle Scuole Mattarella Daniele Barca: si parlerà di bambini veri e di interrogativi seri tra Google Maps, rivoluzioni, internet e tappeti volanti 2.0.
E’ dedicato al fumetto l’incontro con il modenese Marino Neri e Davide Toffolo: i due fumettisti, intervistati da Stefano Ascari, si incontrano alle 17 di domenica 24 settembre alla Delfini, sempre alla Delfini, alle 18.15 presso la Sala Conferenze, la chiusura sarà affidata all’illustratore e artista Maurizio A. C Quarello e allo storico Carlo Greppi, che daranno voce – accompagnati da Stefano Ascari – a storie di guerra e di liberazione, di paura e di gioia, in collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza

Il Festival per la prima volta arriva anche a Spilamberto sabato 30 settembre e inaugura questo debutto presso la Corte d’Onore della Rocca Rangoni con gli autori Gaia Guasti e Guido Quarzo: i loro due romanzi, finalisti del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2° edizione, si incontrano in occasione dell’evento “MAIONESE, KETCHUP E…MACISTE IN GIARDINO”, alle ore 16, dedicato a bambini e adulti da 8 a 108 anni. Sempre alla stessa ora, alle 16, si parte dalla Corte d’Onore con Bernard Friot che, insieme ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado di Castelvetro di Modena, leggeranno poesie ad alta voce per le vie di Spilamberto. Alle 17 arriva uno dei più grandi illustratori francesi Gilles Bachelet (l’associazione culturale Hamelin gli ha dedicato la monografia OBLÒ N.1), per raccontare a bambini da 4 a 9 anni storie indispensabili per addormentarsi sereni.

E’ il Comune di Castelvetro di Modena a chiudere la settima edizione di Passa la Parola, nella  giornata di domenica 1 ottobre: da segnalare, tra gli altri, l’evento delle ore 16 al Castello di Levizzano Rangone, dopo la visita guidata prevista per le ore 15.30: quattro autori, Roger Olmos, Philip Giordano, Yocci e Chicca Gagliardo, ci invitano ad ampliare il nostro sguardo in occasione di una performance artistica.

 

AUTORI

Le più grandi firme della letteratura italiana ma anche internazionale per ragazzi e non solo prenderanno parte all’edizione 2017 del Festival: Gianumberto Accinelli, Francesca Archinto, Stefano Ascari, Gilles Bachelet, Serena Ballista, Mauro Bellei, Fred Bernard, Rotraut Susanne Berner, Simonetta Bitasi, Pino Boero, Fabio Bonvicini, Melvin Burgess, Chiara Carrer, Nicola Cinquetti, Christian Cornia, Elisabetta Cremaschi, Zita Dazzi, Agata Diakoviez, Paolo Di Paolo, Vittoria Facchini, Antonio Ferrara, Bernard Friot, Chicca Gagliardo, Luigi Garlando, Fabio Geda, Philip Giordano, Carlo Greppi, Gaia Guasti, Federica Iacobelli, Milena Lanzetta, Cosetta Lodi, Gianluca Magnani, Beatrice Masini, Matthieu Maudet, Michela Monferrini, Davide Morosinotto, Mara Mundi, Sandro Natalini, Fabian Negrin, Marino Neri, Roger Olmos, Anna Palumbo, Roberto Piumini, Teresa Porcella, Sonia Maria Luce Possentini, Lorenza Pozzi, Guido Quarzo, Maurizio A.C Quarello, Alessandro Riccioni, Francois Roca, Silvia Roncaglia, Andrea Santonastaso, Guido Sgardoli, Fabrizio Silei, Aldo Soligno, Sara Tarabusi, Nadia Terranova, Marcella Terrusi, Gek Tessaro, Davide Toffolo, David Tolin, Andrea Valente, Yocci.

 

 

INCONTRI PER LE SCUOLE

Gli incontri dedicati alle scuole sono fondamentali, perché rappresentano spunti e proposte di lettura per il nuovo anno scolastico. A incontrare gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado (sono attese circa 150 classi per oltre 3.700 studenti) ci saranno Antonio Ferrara, Fabrizio Silei, Cristian Cornia, Sandro Natalini, Nadia Terranova, Fabio Geda, Guido Sgardoli, Rotraut Susanne Berner, Gaia Guasti, Davide Morosinotto, Stefano Ascari, Bernard Friot.

 

MOSTRE ED EVENTI COLLATERALI

La settima edizione di Passa la Parola dedicherà due mostre a due illustratori importanti: alla biblioteca Delfini dal 22 settembre al 14 ottobre  “Frammenti di sguardo”, un percorso tra i disegni e le illustrazioni di Chiara Carrer dedicato a “Lo Sguardo Fragile” (Lapis Edizioni), il libro della Carrer che racconta la storia di Mattia nato con la sindrome del cromosoma X fragile; presso la Scuola secondaria di primo grado “Mattarella” dal 20 settembre al 14 ottobre la mostra delle tavole di Simone Massi tratte dal libro “Il Maestro”, di Fabrizio Silei (Orecchio Acerbo), un volume che racconta l’esperienza della scuola di Barbiana di don Milani nei cinquant’anni da quando ci ha lasciato, attraverso la voce narrante di un ragazzino che in quella scuola è cresciuto. In programma anche due corsi (uno base ed uno avanzato) sull’uso della voce e sulla lettura animata per genitori, insegnanti, formatori e bibliotecari curato da Sara Tarabusi e la mostra “Rare Lives” del fotografo modenese Aldo Soligno, un viaggio fotografico nella quotidianità di chi soffre a causa di una patologia rara presso il locale Fusorari a Modena dal 19 settembre al 1 ottobre.

 

COLLABORAZIONI

Il Festival Passa la Parola ha preso il via nel 2011 come progetto di promozione alla lettura: la settima edizione è realizzata in collaborazione con le biblioteche di Castelfranco Emilia, Vignola, Formigine, Modena, Spilamberto, Castelvetro di Modena, Memo, Rare Lives, Uniamo, Museo del Balsamico Tradizionale di Spilamberto, Oplà.

Partner del Festival sono: Sanofi Genzyme, Conad, Carton Project, Pasticceria Pamela, Alliance Francaise Bologna, Institut Francais Italia, Istituto di Cultura Germanica di Bologna, Goethe Institut, SuperFestival, Salone Internazionale del Libro di Torino, Il Maggio dei Libri.

Il progetto grafico è a cura di MediaMo. Si ringraziano: Fabian Negrin e Adriano Salani Editore per l’utilizzo dell’immagine; Memo, Multicentro Educativo Modena Sergio Neri. Si ringrazia l’Istituto Superiore di Studi Musicali O.Vecchi – A.Tonelli per la gentile ospitalità. Si ringraziano la scuola secondaria di primo grado “Mattarella” e FUSORARI Cibi & Viaggi per la gentile concessione degli spazi. Si ringraziano l’ANPI, Ristorante Aldina e i gruppi di lettura e i ragazzi delle scuole secondarie di Modena e provincia.

La libreria del Festival è a cura di Libreria per ragazzi Castello di Carta, che aderisce a ALIR Associazione delle Librerie Indipendenti Per Ragazzi.

 

Tutti gli eventi sono gratuiti e rivolti a bambini, ragazzi, genitori, insegnanti e appassionati di letteratura dell’infanzia. In caso di maltempo si terranno:

– a Formigine presso il Loggiato del Castello di Formigine (Piazza Calcagnini, 1) l’evento “A caccia…di libri” rimarrà all’interno della Biblioteca Comunale (via S.Antonio, 4)

– a Modena nelle sale della Biblioteca Civica Antonio Delfini (Corso Canalgrande ,103)

– a Spilamberto Spazio Eventi L. Famigli (Viale Rimembranze, 19)

– a Castelvetro di Modena verranno mantenuti i luoghi indicati nel programma: Castello di Levizzano Rangone (via C. Cavedoni)

Tutti gli eventi sono rivolti a bambini, ragazzi, genitori, insegnanti e appassionati di letteratura dell’infanzia.

 

Per info: www.passalaparola.it, fan page di Facebook, stampa@passalaparola.it, twitter.  Hashtag ufficiale del Festival: #PassalaParola

***

Foto, da sinistra: Giorgia Mezzacqui, assessore alla Cultura del Comune di Castelvetro di Modena; Simonetta Munari, assessore alla Cultura del Comune di Spilamberto; Raffaele Della Casa, vicepresidente Csi – comitato di Modena; Gianpietro Cavazza, assessore alla Cultura del Comune di Modena; Sara Tarabusi, libraia e attrice, direttrice artistica del Festival; Mario Natalino Agati, assessore alla Cultura del Comune di Formigine





Linea Radio Multimedia srl - P.Iva 02556210363 - Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.it - Reg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 - Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
• Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017 · RSS ·
12 query in 0,947 secondi