Home Ambiente ‘Entomodena’, alla scoperta del mondo degli insetti nel week end alla Polisportiva...

‘Entomodena’, alla scoperta del mondo degli insetti nel week end alla Polisportiva Saliceta San Giuliano







Come funziona la mente degli insetti? Cosa significano i colori delle farfalle e come scoprire il fascino dei ragni? Torna Entomodena, la più grande esposizione di invertebrati in Italia, in programma sabato 21 settembre dalle 9 alle 19 e domenica 22 settembre dalle 9 alle 13 alla Polisportiva Saliceta San Giuliano (Strada Panni, 83 – Modena). L’iniziativa è organizzata dal Gruppo Modenese Scienze Naturali, con il sostegno di Arci Modena, il patrocinio del Comune di Modena e il contributo di Conad e propone un ricco cartellone di conferenze, mostre e workshop su natura, flora e fauna. L’ingresso è libero e gratuito.

Si parte sabato 21 settembre alle 11 con la conferenza della S.E.I. per la celebrazione dei 150 anni dalla fondazione, dal titolo “Società entomologica italiana (1869-2019): breve storia di 150 anni”, in cui interverranno Roberto Poggi e Marco A. Bologna. Alle 15 si prosegue con “Little giants – essere insetto”, una presentazione del progetto e della mostra da parte dell’autore, il fotografo Marcel Clemens, che realizza immagini di insetti e piccoli invertebrati al microscopio ad altissima risoluzione. Le fotografie sono composte da migliaia di scatti assemblati come le tessere di un mosaico e viene utilizzata la tecnica degli anaglifi per creare l’effetto tridimensionale. Alle 16.30 si parlerà del “Fascino segreto dei ragni”, raccontato da Carlo Maria Legittimo e Gabriele Greco esperti dell’associazione nazionale “Aracnofilia”, per scoprire quanto questi insetti siano utili, riconoscere le rare specie pericolose e capire come agisce il loro veleno. L’ultima conferenza, dal titolo “Farfalle: i colori della natura”, è in programma domenica 22 settembre alle 10 con la presentazione degli ultimi libri di Enzo Moretto: “Farfalle; i colori della Natura” e “Le farfalle dell’Arca”, realizzato insieme ad Anita Frison, che raccontano segreti e funzione dei colori delle farfalle e un nuovo modo di guardare la natura. Enzo Moretto è un divulgatore scientifico e direttore del Museo vivente “Esapolis” di Padova e della Casa delle Farfalle “Butterly Arc” di Montegrotto Terme.

Tante mostre per scoprire come vivono formiche, api o come riconoscere i funghi: “Little giants – essere insetto”, la mostra di macrofotografia di Marcel Clemens; “La casa delle formiche”, a cura di Fomicarium.it, in cui si scoprirà da vicino il mondo di questi piccoli insetti e nell’esposizione “Il lavoro dell’apicoltore”, a cura di Giovanni Lazzari, si potranno osservare attrezzi e prodotti del mestiere. In mostra anche “Molluschi terrestri da tutto il mondo” dal Museo Malacologico di Cupra Marittima, il più grande a tema in Europa e “La mostra micologica dei funghi dell’Appennino”, in cui verranno esposti funghi freschi a cura del Gruppo Naturalistico Modenese ODV. “Parchi Emilia Centrale” ha un punto informativo visitabile per tutta la durata dell’evento.

Tanti laboratori interattivi per piccoli e grandi aspiranti entomologi. Nelle due giornate a ciclo continuo “Bugs hotel”, conversazioni su biodiversità e importanza degli impollinatori e costruzione di un hotel per gli insetti utili con Anna Andreatta, Siebenpunkt e Elisa Monterastelli, biologa del GMSN (a partire da 6 anni); “Fiori e insetti da costruire”, lavoro creativo con materiale di recupero a cura di Giovanni Barbieri dell’Orto Botanico – Unimore e Andrea Gambarelli del Museo di Zoologia – Unimore (età 6-12) e infine “Scorpioni, Mantidi e Ragni giganti da costruire” a cura dell’Associazione Amici dei Parchi di Monteveglio e dell’Emilia (età 6-12). Sabato 21 settembre si parte con “Con gli occhi degli insetti” (che verrà replicato domenica 22 settembre alle 10), dove i piccoli entomologi potranno immedesimarsi nella vita degli insetti osservando il mondo attraverso i loro occhi e le loro tecniche di sopravvivenza (a partire dai 6/7 anni). Alle 15.30 “Che schifo, un ragno! E se fosse un principe?” per cambiare il modo in cui percepiamo le cose, che deriva dalla nostra cultura e dalle nostre abitudini, scoprendo il fascino della Natura e nuovi punti di vista, aiutati dagli insetti (a partire dagli 8/9 anni). Per alcune persone gli insetti sono esseri sgradevoli, spesso temuti o ritenuti inutili…ma è davvero così? Alle 17 si riscopre il loro valore con “Inutile, schifoso, dannoso…o no?” a cura di l’Associazione l’Arca di Sara (a partire dagli 8/9 anni). Tra i laboratori anche “Ecologia…viverla insieme”, un’esperienza per vivere in prima persona i rapporti tra viventi e non viventi in un clima di gioco e di reciproco ascolto: ogni ragazzo dovrà interpretare una componente del sistema per poi interagire con gli altri in modo dinamico ed empatico a cura di Raoul Bonini, Consigliere GMSN (età 6-12). Domenica 22 settembre si prosegue con “Ma tu, sei un insetto?” alle 11.30, per fare chiarezza su quali siano effettivamente gli insetti e quali no, a cura dell’Associazione l’Arca di Sara (a partire dai 6/7 anni). Ti sei mai chiesto come funziona la mente di piccoli animali, come ragni e insetti? Lo spiega alle 10.30 Gabriella Galli del gruppo di ricerca di Biologi e Psicologi cognitivi dell’Università di Padova che opera per Esapolis (da 10 a 99 anni); allo stesso orario anche “A caccia di semi” con Cecilia & Francesco della “Fattoria Didattica Accanto”, che spiegano come raccogliere e riconoscere i semi delle piante attraenti per gli impollinatori (a partire dai 6/7 anni). Infine alle 10 e alle 11.30 lettura con laboratorio sugli insetti dal titolo “Tarabaralla, il tesoro del bruco baronessa” a cura di Vera Donatelli, promotrice di letture per l’infanzia (età 4-10).

Per informazioni consultare il sito www.entomodena.com o la pagina Facebook Entomodena. La prenotazione ai laboratori (giulio.galli1996@gmail.com) è obbligatoria per i gruppi e gradita per i singoli.