Home Attualita' Il Presidente della Repubblica Portoghese firma il Libro d’Onore della Città

Il Presidente della Repubblica Portoghese firma il Libro d’Onore della Città







Il Sindaco Virginio Merola ha accolto oggi in piazza Santo Stefano il Presidente della Repubblica Portoghese Marcelo Rebelo de Sousa, a Bologna per la consegna del Sigillum Magnum da parte dell’Università di Bologna. Da piazza Santo Stefano si sono diretti a piedi verso Palazzo d’Accursio percorrendo piazza Mercanzia e poi via Rizzoli, piazza Re Enzo e piazza del Nettuno. A Palazzo d’Accursio il Presidente portoghese ha firmato, nella Sala Rossa, il Libro d’Onore degli ospiti illustri del Comune di Bologna.

“Viva la libertà! Viva la democrazia! A nome del popolo portoghese saluto e auguro a tutta la città di Bologna una storia di libertà e di democrazia. Marcelo Rebelo de Sousa. Presidente della Repubblica Portoghese”, questo il messaggio che Marcelo Rebelo de Sousa ha voluto lasciare alla città e che ora resterà conservato insieme a quelli delle tante donne e dei tanti uomini illustri che hanno voluto lasciare un pensiero alla città di Bologna. Tra questi figurano politici, diplomatici, premi Nobel, studiosi di diverse discipline e numerosi artisti.

Nel primo pomeriggio, nell’Aula Absidale di Santa Lucia, si era svolta la cerimonia di conferimento del Sigillum Magnum dell’Università di Bologna, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella. Dopo i saluti del Rettore Francesco Ubertini e l’introduzione del prof. Roberto Vecchi, docente di Letteratura portoghese e brasiliana dell’Alma Mater, il Presidente portoghese ha tenuto una Lezione Magistrale.

***

Presidente della Repubblica portoghese dal 2016, Marcelo Rebelo de Sousa si è laureato in Giurisprudenza all’Università di Lisbona e dopo un Dottorato di ricerca in Scienze giuridico-politiche nel 1985, è diventato professore ordinario di scienze giuridiche-politiche.

È stato uno dei fondatori, nel 1974, del Partito Democratico Popolare di cui è stato capo, dal 1996 al 1999.

Come giornalista, ha partecipato alla fondazione il settimanale Expresso nel 1973, e ha diretto la rivista Semanário, un giornale di cui è stato anche socio fondatore. E’ stato commentatore radiofonico e volto televisivo molto amato, leader indiscusso del pubblico.

E’ stato membro del Consiglio di Stato portoghese e, eletto Presidente del Portogallo il 24 gennaio 2016, ha avuto e continua ad avere ruolo fondamentale nel rilancio economico e politico del Portogallo in Europa.