Home Appuntamenti Sabato appuntamento del Modena organ festival con Stefano Pellini e la giovane...

Sabato appuntamento del Modena organ festival con Stefano Pellini e la giovane Giulia Ricci al clavicembalo







Le “Variazioni Goldberg”, capolavoro assoluto di Bach e della musica occidentale, sono le protagoniste dell’evento in programma sabato 23 novembre, dalle 16.30, nell’insolita sede dell’hangar Rosso Tiepido, in via Emilia est 1420/2, nella zona industriale della Fossalta.

Il concerto, che fa parte del programma del “Modena organ festival”, sarà introdotto da una conversazione con il maestro organista Stefano Pellini, direttore artistico della rassegna. Le “Variazioni” saranno poi eseguite al clavicembalo, strumento per il quale sono state scritte, dalla giovane musicista Giulia Ricci.

Portare la musica classica fuori dalle sue sedi consuete, “per avvicinarla a tutti”, come spiega il maestro Pellini, è uno degli obiettivi della rassegna che già da alcuni anni, infatti, propone affascinanti concerti per organo o, come in questo caso, clavicembalo, in capannoni delle zone industriali di Modena.

Composte “per il ristoro delle spirito”, come recita il frontespizio della prima edizione del 1741, le Variazioni sono una “pratica per strumenti a tastiera” che consiste in un’aria con trenta diverse variazioni.

Gilia Ricci, forlivese, ha 25 anni, sta perfezionando i suoi studi a Basilea ed è fresca del secondo posto ottenuto al concorso internazionale di clavicembalo a Bologna.

Giunto alla 17ª edizione, il “Modena organ festival”, la rassegna di musica per organo che coinvolge anche i Comuni di Sassuolo e Bomporto, proseguirà fino a dicembre con appuntamenti nelle chiese modenesi ma anche nel Palazzo comunale e in luoghi insoliti come un capannone industriale.

La manifestazione, inserita nel programma di “ArmoniosaMente”, è organizzata dall’associazione “Amici dell’organo J. S. Bach” per la direzione artistica di Stefano Pellini, con il contributo di Fondazione Cassa di risparmio Modena, Regione Emilia Romagna, Lapam confartigianato e Bper; e il patrocinio dei Comuni di Modena e Sassuolo.