Home Cronaca Alcuni interventi della Polizia di Stato reggiana effettuati nella giornata di ieri

Alcuni interventi della Polizia di Stato reggiana effettuati nella giornata di ieri

Poco dopo le 15:00 il personale della Squadra Volante è intervenuto presso un noto esercizio commerciale di via Emilia Ospizio su segnalazione di taccheggio di merce varia ad opera di tre magrebini. Pochi secondi dopo dall’allarme dato al 113 sono giunti sul posto due equipaggi, pertanto gli autori non sono riusciti a portare compimento la propria azione criminale, garantendosi comunque la fuga. Gli stessi si sono dispersi a piedi facendo così perdere le loro tracce.

Un’ora più tardi, il personale della Squadra Volante, nell’espletare un’approfondita attività di controllo in viale Matteotti, zona attenzionata a seguito di reiterate segnalazioni di persone sospette, ha fermato un’autovettura i cui occupanti sono risultati due magrebini con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, la Pubblica amministrazione, stupefacenti e in materia di immigrazione clandestina. Il conducente identificato per R.E.M. classe 92’ di nazionalità magrebina, irregolare sul territorio e destinatario di un rintraccio per notifica emesso nell’ottobre dello scorso anno presso il Tribunale di Ravenna, risultava essere privo di patente di guida. In ragione dei precedenti di polizia, il soggetto è stato sottoposto a perquisizione personale estesa anche al veicolo. Il giovane è stato così trovato in possesso di un dissuasore elettrico, oggetto atto all’offesa di cui è vietato il porto. L’uomo è stato quindi deferito in stato di libertà.

La scorsa notte intorno alle 22:00, sempre il personale della Volante è intervenuto in viale Piave per segnalazione di lite tra un uomo e una donna. Sul posto gli operatori trovavano il richiedente, poi identificato per C.D. classe 84’ di nazionalità italiana, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche e stupefacenti. La donna riferiva di essere stata colpita al volto con un pugno. Mentre l’uomo, trovato in possesso di un coltello veniva deferito per la violazione dell’art.4 L.110/75 e per lesioni personali, la donna si recava presso il locale nosocomio per farsi medicare.