Home Appennino Modenese Edilizia scolastica: in provincia di Modena investimenti per oltre 14 milioni di...

Edilizia scolastica: in provincia di Modena investimenti per oltre 14 milioni di euro







Per gli interventi di adeguamento sismico, messa in sicurezza ma anche nuove costruzioni degli edifici scolastici, dalle scuole d’infanzia alle superiori, Comuni e Provincia potranno contare su un finanziamento statale di oltre nove milioni di euro; tenendo conto della quota di cofinanziamento degli enti locali, questi fondi consentono investimenti per oltre 14 milioni di euro.

Una prima parte delle risorse è stata approvata di recente dal Governo per quasi cinque milioni di euro, mentre i restanti contributi saranno liberati nelle prossime settimane.

Si tratta delle risorse, previste per il 2019, legate sia ai mutui della Banca europea degli investimenti (Bei), con ammortamenti a carico dello Stato, che a fondi dello Stato: il 70 per cento destinate ai Comuni e 30 per cento alla Provincia per gli interventi sulle scuole superiori.

Come sottolinea Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia «abbiamo coordinato con i Comuni e la Regione la ripartizione delle risorse e l’elenco delle priorità; questi interventi, oltre a da migliorare la qualità e la sicurezza degli edifici,  contribuiranno ad alimentare la ripresa del sistema economico una volta superata l’emergenza  sanitaria».

Nell’elenco dei progetti già approvati figurano il primo stralcio dell’adeguamento sismico del Formiggini di Sassuolo che sarà realizzato dalla Provincia, la ristrutturazione da parte del Comune della sede di Pievepelago dell’istituto Cavazzi, l’adeguamento sismico di diverse scuole comunali tra la scuola media Guidotti di Modena con un contributo di un milione 700 mila euro a fronte di lavori pari a quasi due milioni e mezzo di euro; poi quelli sulla scuola d’infanzia Aquilone di Fiorano, la scuola d’infanzia Rodari, la primaria Trenti di Spilamberto e  la primaria di S.Prospero.

I progetti in attesa che il Governo liberi definitivamente le risorse, peraltro  già programmate, sono quelli di adeguamento sismico della scuola media Focherini di Carpi, con un finanziamento di oltre un milione di euro, la primaria Buonarroti di Ravarino (oltre un milione e 100 mila euro), la media Ferrari-Galilei di Maranello, la primaria Montecuccoli di Sestola, la scuola d’infanzia Andersen di Montefiorino e la nuova scuola primaria De Amicis di Pavullo con un contributo richiesto di 840 mila euro a fronte di un investimento di quasi tre milioni e mezzo di euro.