Home Formigine Formigine, verso la costruzione di un’idea di città condivisa tra Amministrazione, associazioni...

Formigine, verso la costruzione di un’idea di città condivisa tra Amministrazione, associazioni e cittadini







Nella prospettiva della predisposizione del nuovo Piano Urbanistico Generale, la cui redazione prenderà avvio entro l’estate, Il Comune di Formigine ha avviato una collaborazione con l’Università di Parma, allo scopo di delineare alcune strategie finalizzate alla riqualificazione urbana e alla valorizzazione ecologico-ambientale dell’intero territorio comunale.

Il professor Dario Costi del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma ha pertanto avviato nei mesi scorsi un’approfondita analisi urbana del capoluogo e delle frazioni coinvolgendo gli studenti di Architettura, le associazioni, il mondo del lavoro e alcuni stakeholders istituzionali in un percorso partecipativo i cui primi esiti sono stati presentati nel corso della conferenza stampa di questa mattina (9 giugno).
“Presentiamo oggi Formigine 2030 – afferma il Sindaco Maria Costi – una visione strategica per la crescita del nostro territorio che s’interseca con il percorso di predisposizione del nuovo Piano Urbanistico Generale. Per trovarci pronti a questo appuntamento, abbiamo inteso avvalerci delle migliori professionalità e degli strumenti più qualificati. Ci affacciamo infatti a questo nuovo percorso non solo avendo già approvato il Piano Urbana della Mobilità Sostenibile (PUMS) e il Biciplan recentemente adottato, ma anche attraverso la collaborazione con gli esperti di un prestigioso Ateneo della nostra Regione che aiuterà a disegnare le linee della Formigine del futuro. In questo periodo, poi, il ripensare gli spazi pubblici, il sistema della mobilità e la rigenerazione urbana assume un valore determinante per un nuovo modello di vita nel quale dobbiamo riprendere tutte le forme di socialità, con un’attenzione maggiore alla sicurezza”.

“Ripensare la città nella stagione della rigenerazione urbana vuole dire mettere in valore i vuoti urbani e ricucire una trama di luoghi pensati per le persone – precisa il prof. Costi – Per concretizzare lo scenario di una città verde accessibile e accogliente stiamo ragionando sulla possibilità di collegare i parchi e le piazze urbane per creare un sistema di mobilità lenta alternativo alla viabilità carrabile capace di creare occasioni di incontro e di socialità. Attraverso il lavoro didattico e di ricerca stiamo svolgendo una riflessione progettuale sulla qualità degli spazi pubblici e su una serie di aree che discuteremo appena possibile con la popolazione per affiancare il Comune di Formigine nell’attuazione della transizione ecologica verso una città intelligente e sostenibile in linea con gli orientamenti dell’Agenda dell’Onu 2030.”