Home Appuntamenti Paolo Poli inaugura la stagione del Teatro Fabbri di Vignola

Paolo Poli inaugura la stagione del Teatro Fabbri di Vignola

La Stagione 2011/2012 del Teatro Ermanno Fabbri di Vignola si apre l’8 e il 9 novembre con uno dei più amati protagonisti della scena italiana: Paolo Poli e la sua compagnia presenteranno infatti nella sala vignolese Il mare, lavoro che ancora una volta si contraddistingue per la vena divertente, dissacrante e mai scontata, cifra stilistica dell’attore toscano.

La seconda Stagione del Teatro Fabbri, che vedrà nuovamente alternarsi in cartellone spettacoli di prosa con la danza, l’operetta, il teatro per le famiglie e le proposte per le scuole, si apre quindi all’insegna del grande teatro d’autore e prosegue nel percorso iniziato lo scorso autunno, forte dell’ottimo esito al botteghino riscontrato durante la campagna abbonamenti di settembre e grazie al sostegno del Comune e della Fondazione di Vignola.

Alla base della drammaturgia de Il mare sono i racconti di Anna Maria Ortese, composti e pubblicati su riviste letterarie dagli anni Trenta ai Settanta.

La Ortese ha saputo raccontare l’Italia del suo tempo come pochi, tanto che la critica italiana ed internazionale la pone tra le grandi figure della letteratura europea, al pari della Morante e della Mansfield. Scrittrice e giornalista, viaggia durante e dopo la guerra per tutt’Italia pubblicando i suoi testi con le case editrici più importanti.

I racconti riflettono sorprendentemente la complessa personalità dell’ autrice. Gli avvenimenti narrati sono visti attraverso il ricordo struggente: l’infanzia infelice, ma luminosa, l’adolescenza insicura, ma traboccante, l’amore sfiorato, ma mai posseduto. Figure di una Italietta arrancante nella storia, dove le canzonette fanno la parte del leone: ingenue ed orecchiabili come “Besame mucho”, “Mambo italiano”, “Amor, amor, amor..” o “Legata ad un granello di sabbia”, stigmatizzano l’immagine dell’Italia del Ventennio e del secondo Dopoguerra, quella fatta di “piccole cose di pessimo gusto” che si culla nell’illusione mentre il mondo intorno crolla a pezzi.

Accompagnato da giovani attori, Poli incornicia sei novelle della Ortese mettendo in scena un tipo di teatro personalissimo: lo spettacolo è proprio come il mare, un insieme di onde che travolgono lo spettatore in un unico grande flusso, che a tratti calma, a tratti muove l’animo.

Poli coglie appieno il realismo crudele racchiuso nella sospensione onirica e quasi surreale dei racconti di Anna Maria Ortese: tra scherzi, lazzi e scioglilingua arguti, lo spettacolo offre una carrellata sui sogni di chi vive nella miseria, sui miraggi di chi va a cercar fortuna oltremare, sugli amori frustrati delle donne che restano e sui deliri d’espansione imperiale di funesta memoria.

La feroce malinconia della Ortese non viene tradita dalla comicità garbata di Poli. Anzi, la dilatazione onirica del desiderio, il rimpianto per le occasioni mancate sono trasmessi e subito sdrammatizzati dall’attore attraverso una recitazione composta, che misura anche il più impercettibile movimento delle mani e che smorza il dramma del disincanto con occhiate maliziose.

Eleganza e misura sono la cifra stilistica di questo spettacolo, che riesce a trasmettere il dramma lacerante del rimpianto di una vita agognata e mai vissuta senza mai sfiorare il patetismo.

Perfetto contrappunto allo spettacolo sono le scenografie di Emanuele Luzzati, che enfatizzano la pittura novecentesca con fondali scorrevoli che raffigurano tolde di navi , vicoli e piazzette, i costumi fantasiosi di Santuzza Calì, che riassumono l’elemento fiabesco, ironico e allusivo dello spettacolo e le musiche di Perrotin, arditamente persuasive.

Entrambe le rappresentazioni avranno inizio alle ore 21.00.

Il prossimo appuntamento del cartellone sarà il 6 il 7 dicembre con il più grande classico della tragedia inglese, “Romeo e Giulietta”.

Prevendita biglietti

La biglietteria è aperta il martedì e il sabato dalle 10:30 alle 18:30 orario continuato, il giovedì dalle 10:30 alle 14:00 e la sera dello spettacolo dalle ore 20:00.

I biglietti prenotati devono essere ritirati tassativamente entro dieci giorni dalla data di prenotazione, pena annullamento della prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni: tel. 059/9120911