Home Formigine A Formigine e Maranello, scatta il progetto ‘Bike to Work’ per le...

A Formigine e Maranello, scatta il progetto ‘Bike to Work’ per le aziende

Un bonus in busta paga per andare al lavoro pedalando. È la possibilità offerta dal progetto ‘Bike to Work’ nel capitolo rivolto alle aziende pubbliche e private, che a partire dal 20 luglio potranno sottoscrivere accordi con i Comuni di Formigine e Maranello per incentivare tra i loro dipendenti l’uso della bicicletta lungo il tragitto casa-lavoro.

Nelle aziende che aderiranno all’iniziativa, ad ogni lavoratore interessato verranno dunque erogati 20 centesimi a chilometro, fino a un massimo di 50 euro al mese. Al dipendente basterà ‘scaricare’ sul proprio smartphone una app gratuita, che calcolerà le distanze percorse in bici tra l’indirizzo di casa e l’impresa. E dal Comune arriverà poi il relativo contributo, messo a disposizione dalla Regione.

Le aziende avranno tempo fino al 30 settembre per valutare e aderire volontariamente al progetto, attraverso la compilazione di un modulo disponibile da oggi sui siti istituzionali dei due Comuni. Oltre al contributo regionale, ogni ditta potrà anche scegliere liberamente di sostenere ulteriormente l’iniziativa con una propria sponsorizzazione economica, a vantaggio della mobilità sostenibile e del proprio welfare aziendale, che ha tra i suoi obiettivi anche la salute e la sensibilizzazione del personale verso le tematiche ambientali.

“Questo progetto rientra nel percorso di cambiamento da noi intrapreso nell’ambito della mobilità – affermano Giulia Bosi e Chiara Ferrari, assessori alla Mobilità dei due Comuni coinvolti -. Una mobilità sempre più improntata su mezzi sostenibili, che permettono una maggiore fruibilità del territorio. Auspichiamo che le aziende aderiscano in maniera propositiva, certi che i grandi obiettivi si raggiungono mettendo insieme pubblico e privato”.

Le amministrazioni comunali  di Formigine e Maranello valuteranno inoltre la possibilità di riaprire i termini nel caso il progetto si presentasse la possibilità di rifinanziarlo con risorse proprie o altri fondi regionali.