Home Appennino Bolognese Vertenza Fiac, l’assessore Colla: “Un buon accordo, un successo importante, ora un...

Vertenza Fiac, l’assessore Colla: “Un buon accordo, un successo importante, ora un Patto sociale per evitare atti unilaterali da parte dell’azienda”

“Un buon accordo, un successo dovuto a chi ha lottato in questi mesi, un risultato in linea con ciò che la Regione si è prefisso: tutelare le imprese e i lavoratori”. Così l’assessore regionale a Sviluppo e Lavoro, Vincenzo Colla, commenta l’accordo sulla vertenza Fiac, raggiunto stanotte dopo 15 ore di trattativa con la mediazione delle istituzioni.

“Dopo una lunga e difficile trattativa alla presenza delle Istituzioni- dice Colla-, i rappresentanti dell’azienda e dei lavoratori hanno raggiunto un buon accordo e la sua approvazione, avvenuta questa mattina al referendum fra i lavoratori con 138 voti favorevoli su 141, è una notizia molto positiva.  Nello Stabilimento continua l’attività industriale con tutti i dipendenti, inoltre le parti si impegnano entro il 30 marzo 2021 a definire un Patto sociale utile ad agevolare tutte le soluzioni possibili per evitare atti non condivisi sulla forza lavoro”.

“Questo risultato – racconta l’assessore – è stato ottenuto dopo ore di confronto serrato, in cui la capacità di rappresentanza delle organizzazioni sindacali, che hanno tenuto con responsabilità il tavolo insieme alle Rsu, accanto alla fermezza delle Istituzioni a difesa della dignità dei lavoratori, hanno permesso di far cambiare più volte opinione all’azienda. Un grande merito va riconosciuto ai lavoratori stessi, che con coraggio e fierezza in questi mesi hanno lottato e mostrato a tutti l’orgoglio e il significato della parola Lavoro”.

“Quello di oggi- commenta- è un successo importante che segna in modo netto la direzione che questa Regione si è data dopo lo scoppio della pandemia: arrivare nel 2021 alla ripresa economica con le imprese e i lavoratori al loro interno. Adesso si apre una nuova fase in cui quell’accordo andrà applicato e consolidato. La Regione Emilia-Romagna, insieme a Città Metropolitana e Comune di Sasso Marconi, resta garante dell’accordo sottoscritto e seguirà con attenzione la discussione che si svilupperà nei prossimi mesi”.

(immagine del giugno scorso)