Home Appennino Modenese Altri 400 mila euro dalla Provincia per lavori nelle scuole superiori modenesi....

Altri 400 mila euro dalla Provincia per lavori nelle scuole superiori modenesi. L’incontro con i dirigenti scolastici

Per realizzare nuovi interventi nelle scuole superiori, la Provincia nella prossima variazione  di bilancio, prevista entro settembre, metterà a disposizione altri 400 mila euro, che si aggiungono al milione e 850 mila euro già investiti; queste risorse saranno utilizzate in buona parte per migliorare e  garantire le coperture nelle nuove vie di accesso e uscita, aperte in tutti gli istituti per evitare gli assembramenti.

Lo ha comunicato il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei, nel corso di una video conferenza, organizzata dalla Provincia con tutti i dirigenti scolastici,  che si è svolta mercoledì 16 settembre, per fare il punto della situazione e verificare ulteriori necessità, alla luce della ripresa delle lezioni.

Durante l’incontro è emerso anche che, sempre per migliorare gli accesi le uscite, sono partiti in questi giorni gli interventi della Provincia per sistemare cortili e marciapiedi in una ventina di istituti scolastici superiori.

Per ogni nuova apertura occorre garantire la fruizione in sicurezza ed è quello che sta facendo la Provincia, sulla base delle richieste dei dirigenti scolastici, utilizzando risorse pari a 350 mila euro, finanziati di recente dal ministero dell’Istruzione; dopo aver completato tutte le progettazioni e aggiudicati i lavori alle imprese in tempi brevissimi, è stato possibile aprire i cantieri che si concluderanno entro i primi giorni di ottobre.

Le scuole interessate dai lavori sono a Modena l’istituto Cattaneo, il liceo Muratori, il Corni in largo Al Moro, il Guarini, il Wiligelmo e il Barozzi; a Carpi il Meucci, il Fanti e il Da Vinci; a Finale Emilia il Morandi e il Calvi; a Mirandola il Luosi e il Galilei; a Sassuolo il Baggi e il Morante; a Pavullo il Marconi; a Vignola il Levi e il Paradisi e a Castelfranco Emilia lo Spallanzani.

Nel corso dell’incontro, inoltre, si è discusso del potenziamento, richiesto da diversi istituti, delle rastrelliere per biciclette per fare fronte a una crescita degli utenti.

Al fine di rispettare i protocolli anti Covid-19 sui distanziamenti, areazione dei locali e norme igieniche, la Provincia con le nuove somme previste, ha investito due milioni e 250 mila euro, finanziati in parte dal Governo e 600 mila euro della Provincia.

La Provincia gestisce l’edilizia scolastica superiore modenese destinata a quasi 34 mila e 600 studenti (500 in più rispetto allo scorso anno), distribuiti in 30 istituti scolastici che utilizzano oltre 1400 aule e oltre 500 laboratori.

A SCUOLA IN AUMENTO L’UTILIZZO DELLA BICI. RICHIESTE 1600 RASTRELLIERE. IL PIANO DELLA PROVINCIA

Nel corso del confronto tra la Provincia e i dirigenti scolastici di mercoledì 16 settembre, è emerso che in questi primi giorni di scuola sono in aumento gli studenti che utilizzano la bicicletta negli spostamenti casa-scuola.

Se il fenomeno di confermerà nelle prossime settimane, servono nuove rastrelliere e blocchi porta bici per garantire un ordinato e corretto deposito dei mezzi.

Da una prima verifica della Provincia, che su questo tema sta predisponendo un piano, su una ventina di istituti è emersa la necessità di installare circa 1600 posti bici con un costo, tenendo conto anche delle coperture, stimato in oltre 400 mila euro.

Una somma importante che la Provincia ora riesce a sostenere solo in parte ma si è impegnata a reperire i fondi eventualmente necessari da altre fonti ed enti, mentre i dirigenti scolastici, su richiesta della Provincia stessa, avvieranno nei prossimi giorni, una ricognizione in ogni istituto per quantificare quanti studenti intendono utilizzare in modo costante la bici per andare a scuola.