Home Politica Tributi pagati con addebito in banca, Severi (FI) interroga la giunta sassolese

Tributi pagati con addebito in banca, Severi (FI) interroga la giunta sassolese

Tributi pagati con addebito in banca, Severi (FI) interroga la giunta sassolese: ‘Dove e come è possibile, attivare le procedure per lo sconto del 20% previsto? E’ intenzione della giunta farlo?’

“L’amministrazione comunale di Sassuolo ritiene applicare la possibilità offerta dal decreto rilancio, convertito in legge nel luglio 2020 che consente la riduzione di aliquote e tariffe degli enti territoriali in caso di pagamento mediante domiciliazione bancaria? Se si, a quale genere di tasse e tariffe ed entrate si potrebbe applicare e come intende procedere?”.

Sono alcune domande contenute nell’interrogazione presentata dall’ex assessore comunale e consigliere di Forza Italia Claudia Severi che già nei mesi scorsi aveva chiesto di valutare l’applicazione di tale misura. “Vogliamo capire la reale applicabilità dell’art. 118 ter, a quale spettro di tassazione diretta ed indiretta sia possibile dare lo sconto e quali siano le intenzioni delle giunta. ll provvedimento di fatto consente al Comune e agli enti territoriali la facoltà di deliberare una riduzione fino al 20% delle tariffe e delle aliquote delle proprie entrate, tributarie e patrimoniali, a favore di coloro che provvedono al pagamento con autorizzazione permanente all’addebito diretto su conto bancario. Crediamo che sia giusto e doveroso consentire a tutti coloro che lo desiderano, di approfittare di questa opportunità. Tanto più in considerazione del costante aumento, che anche in fase di emergenza Covid e di  difficoltà economiche riscontrate dalle famiglie le bollette e le cartelle relative ai tributo hanno continuato a registrare.

Senza considerare che la domiciliazione bancaria motivata dallo sconto, eviterebbe molti disagi, tra cui tutti i contenziosi e le more relative ai mancati e ritardati pagamenti. La certezza dei termini e del versamento garantiti giustificherebbero e ripagherebbe ampiamente il minor gettito dovuto allo sconto, mentre il contribuente sarebbe facilitato nel pagamento dei tributi, come la Tari, e di altre imposte patrimoniali spettanti al Comune così come le rette scolastiche o il trasporto scolastico. Una opportunità di sconto e di snellimento ed efficientamento delle pratiche davvero interessante che come Forza Italia condividiamo, invitando la giunta a verificarne la fattibilità e procedere all’applicazione, per consentire ai cittadini di  usufruire concretamente di tutti gli incentivi che il decreto rilancio offre”