Home Carpi Confcommercio e Confesercenti Modena lanciano la petizione #fatecilavorare! e scrivono al Prefetto

Confcommercio e Confesercenti Modena lanciano la petizione #fatecilavorare! e scrivono al Prefetto

«La situazione è drammatica e gli imprenditori si sentono ormai abbandonati a sé stessi: è urgente mettere in condizione le attività di lavorare, perché il rischio di perdere pezzi di economia non è mai stato così concreto». Così Mauro Rossi e Tommaso Leone, presidenti provinciali rispettivamente di Confesercenti e Confcommercio Modena, che proprio in queste ore hanno lanciato la petizione #FATECILAVORARE! e scritto al Prefetto chiedendo un incontro urgente.

«Con la petizione – puntualizzano Leone e Rossi – , che in poche ore è stata firmata da centinaia di imprenditori, oltre a lanciare un grido d’allarme sulla tenuta di una serie di comparti a rischio, chiediamo alle Istituzioni di cambiare registro: nel rispetto delle misure di sicurezza varate, tutti i settori del commercio, dei pubblici esercizi e dei servizi alla persona devono poter rimanere aperti».

«Nel corso di questi mesi, come Associazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese, – sottolineano Rossi e Leone – non ci siamo mai sottratti alle nostre responsabilità ed abbiamo svolto un difficile ruolo di salvaguardia del tessuto economico e di capillare informazione verso imprese del territorio, ma ormai stentiamo a comprendere il senso delle decisioni messe in atto dal Governo».

«Disappunto e rabbia – attaccano i due Presidenti – suscitano i continui stop and go, i tempi di adozione dei provvedimenti, che non lasciano alle imprese la possibilità di organizzare e programmare il proprio lavoro, con il risultato che tante sono in grande sofferenza, a partire dai pubblici esercizi per i quali si profila addirittura il divieto di fare vendita d’asporto dopo le 18.00».

«Ci sono – prosegue la nota – intere filiere economiche a rischio: bar, ristoranti, tutto il mondo del turismo, dell’intrattenimento, della cultura, dei fieristi, del fitness, così come il commercio soprattutto nei settori non alimentare: dettaglianti, sia in sede fissa che ambulanti, e grossisti che, pur subendo danni economici enormi, per il solo fatto di poter continuare ad essere aperti, non beneficiano di alcun sostegno se non di sporadiche attenzioni».

«Inoltre i piccoli esercizi commerciali – affermano Leone e Rossi – sono stati desertificati dai vincoli della mobilità delle persone e dall’ utilizzo spinto dello smart working, mentre i negozi delle gallerie dei centri commerciali sono costretti alla chiusura nei giorni potenzialmente più redditizi».

«In numeri sono drammatici: le imprese devono fare i conti con cali di fatturato annuo anche superiori all’80%, il commercio modenese ha perso 800 milioni di ricavi nel 2020 e la ristorazione altri 750 milioni: riteniamo non sia accettabile che le nostre categorie siano le sole a farsi carico dell’azione di contrasto alla pandemia, richieste di un sacrificio economico e sociale non giustificato dai dati e non accompagnato da adeguate e proporzionate misure compensative».

«Al Prefetto abbiamo chiesto un incontro urgente – conclude la nota – perchè si possa rendere interprete dell’istanza di rappresentare questo stato di sofferenza al Governo affinchè ne possa tenere conto nei provvedimenti che andrà ad assumere: garantire la sopravvivenza ed il futuro delle imprese del terziario e dei servizi e salvaguardarne la tenuta occupazionale, siamo convinti rientri tra i compiti primari dello Stato».