Home Ambiente Un nuovo polmone verde per Formigine

Un nuovo polmone verde per Formigine

Un nuovo polmone verde per FormigineUn nuovo progetto di forestazione urbana a Formigine amplierà il “polmone verde” ad est del territorio comunale, che parte dal Parco storico della Resistenza (Villa Gandini) e si snoda attraverso diversi parchi collegati da un percorso ciclopedonale, seguendo il Rio Cantalupo, fino ad arrivare al parco Luigi Campani.

L’intervento ha lo scopo di connettere questa grande area verde alla fascia più a sud dove sono presenti orti per anziani e dove, da pochi anni, un tratto di via Stradella è stato reso percorribile in auto solo dai residenti.

Si tratta di un’area di circa 3.000 mq, rettangolare, che misura circa 137 metri per 23 metri ed è localizzata all’incrocio tra via Gatti e via della Fornace all’interno e al limitare del territorio urbanizzato del capoluogo.

Questo luogo divide un’area industriale di recente costruzione dal territorio rurale, pertanto si presta ad un’azione filtro nei confronti dell’inquinamento atmosferico e acustico e potrà contribuire alla riduzione dell’isola di calore. Inoltre, si trova di fronte ad un sistema forestale boschivo privato esistente e corrisponde ad un varco ecologico (per lo spostamento della fauna selvatica).

L’impianto previsto per l’intervento di forestazione urbana avrà una densità non inferiore alle 600 piante per ettaro. Il modello da realizzare prevede l’integrazione di uno strato arboreo medio-alto con uno strato medio-basso, costituito da alberi di piccola dimensione e arbusti da utilizzare nelle aree di margine.

Saranno utilizzate specie autoctone dando preferenza alle essenze maggiormente performanti nell’assorbimento dei principali inquinanti, ad elevata resilienza nei confronti dei cambiamenti climatici e agli stress ambientali presenti nelle aree urbane. Nella scelta delle specie, inoltre, si è data particolare importanza a quelle atte ad attirare insetti impollinatori come le api, con l’intento di fornire loro un habitat naturale.

I fondi sono stati reperiti attraverso il bando regionale “Mettiamo radici per il futuro. Quattro milioni e mezzo di alberi in più: piantiamo un albero per ogni abitante dell’Emilia-Romagna”.

Si svolgerà inoltre finalmente in presenza la piantumazione degli alberi per ogni neonato formiginese. L’evento, al quale le famiglie dei bambini sono stati invitati con una lettera, si terrà la mattina del 21 novembre, Giornata nazionale degli alberi, presso il percorso natura del Tiepido. Nel pomeriggio, invece, si terranno laboratori per i bambini presso il Centro di Educazione Ambientale di Villa Gandini con la possibilità, per i partecipanti, di portare a casa una piantina.