Home Economia Approvato ieri sera dal Consiglio Comunale di Formigine il bilancio preventivo 2022/24

Approvato ieri sera dal Consiglio Comunale di Formigine il bilancio preventivo 2022/24

Approvato ieri sera dal Consiglio Comunale di Formigine il bilancio preventivo 2022/24Approvato in consiglio comunale il bilancio preventivo 22/24: nella seduta di ieri sera il civico consesso ha deliberato il conto economico dell’amministrazione formiginese con un totale a pareggio per il 2022 di 41 milioni di euro, con circa 33,2 milioni destinati alla spesa corrente e 7,7 agli investimenti in conto capitale.

Sul triennio il totale degli investimenti quoterà circa 21 milioni di euro, con un focus particolare sulle scuole a cui saranno destinati 5,3 milioni nel triennio: 1,2 per il miglioramento sismico delle Don Mazzoni di Corlo, 2,4 per le nuove materne Prampolini di Casinalbo, 1,6 per il terzo stralcio del miglioramento sismico delle Fiori di Formigine. Per lo sport verranno destinati 1,3 milioni con interventi su quattro impianti sportivi del territorio. Per viabilità, piste ciclabili e manutenzioni stradali si investiranno complessivamente 4,2 milioni (fra le altre cose previste tre rotatorie), L’altro grande filone di investimento è quello della riqualificazione e rigenerazione urbana che anticipa la logica del prossimo PUG, votato al recupero e al risparmio del consumo di suolo, destinando 2,1 milioni di euro per edifici e luoghi pubblici. Con questo bilancio entrano in programmazione alcuni nuovi interventi significativi. In particolare la strada di collegamento fra via Sant’Onofrio e piazza Brodolini: con questa infrastruttura si intende scaricare il traffico improprio di attraversamento in zona residenziale (250 mila euro il costo previsto). Nuovi investimenti anche sulla mobilità ciclabile, con la realizzazione di due tratti della cosiddetta “ciclabile del mito” in territorio formiginese (da via Quattro Passi a via Tassoni e da via Tassoni all’ex Ospedale), il cui completamento permetterà in prospettiva di collegare in bicicletta i musei Ferrari di Modena e Maranello. Significativo anche l’inserimento nella programmazione di due nuovi stralci di riqualificazione del centro storico di Formigine. Con 250mila euro nel 2022 si aprirà il cantiere in via Vittorio Veneto, mentre con 400mila euro nel 2024 si prevede di realizzare un quarto stralcio anche su via San Francesco. Gli interventi si porranno in continuità con l’intervento su via Trento Trieste e via San Pietro già appaltato e pronto per l’avvio del cantiere subito dopo le festività natalizie. Con questa manovra centrata sugli investimenti continua il risanamento dei conti pubblici comunali, con il valore del patrimonio che sale fino a 25,8 milioni (25 in più in 10 anni, più 12%), mentre l’indebitamento scende fino a 27,8 milioni, dimezzato in 10 anni (-27 milioni pari a -47%). La spesa corrente è dedicata per il 26% allo sviluppo del territorio con 8 milioni, per il 17% all’istruzione, per il 16% al sociale, per il 7% allo sport, cultura e turismo, per il 6,5% alla sicurezza. La spesa corrente pro capite a Formigine si ferma quindi a 606 euro contro una media regionale di 768. Previsto anche il potenziamento della macchina comunale con 19 nuove assunzioni anche in previsione delle necessità di realizzare progetti e intercettare risorse attraverso i bandi del PNRR. “Da sempre impostiamo il nostro bilancio con criteri di rigore – afferma il Sindaco Maria Costi – e grazie a questa scelta siamo in grado per il settimo anno consecutivo di lasciare invariate tariffe e imposte locali: IMU, TARI, servizi scolastici e alla persona, nulla aumenta di un euro, e confermiamo anche la scelta dell’IRPEF zero fino a 10mila euro di reddito, una scelta non scontata a favore delle fasce più deboli. Cerchiamo di finanziare gli investimenti aggiuntivi e strategici facendo un ampio ricorso alla ricerca fondi presso bandi europei, ministeriali e regionali e oltre a contenere i costi, potenziare i servizi, cerchiamo di essere buoni pagatori verso le imprese: liquidiamo sempre le fatture in meno di 30 giorni per sostenere l’economia locale”.