Home Formigine Grazie a un finanziamento regionale, a Magreta in arrivo telecamere per la...

Grazie a un finanziamento regionale, a Magreta in arrivo telecamere per la videosorveglianza e fibra ottica

Grazie a un finanziamento regionale, a Magreta in arrivo telecamere per la videosorveglianza e fibra otticaIn linea con quanto fatto lo scorso anno per la frazione di Colombaro, l’Amministrazione comunale di Formigine ha presentato alla Regione Emilia-Romagna una nuova richiesta per un progetto volto a migliorare la sicurezza di un’altra frazione: Magreta.

La Regione ha concesso un contributo complessivo pari a 88.000 euro, a fronte di una spesa complessiva prevista di 110.000 euro, per migliorare il sistema di videosorveglianza, aiutare chi è stato vittima di furto e animare luoghi poco frequentati, in collaborazione con le associazioni locali.

Più nello specifico, si prevede il potenziamento del sistema di videosorveglianza generale nel territorio di Magreta, attraverso lo sviluppo della tecnologia nella località di Colombarone, attualmente totalmente scoperta. L’intervento riguarderà il tratto di via Marzaglia compreso fra il centro urbano di Magreta (l’intersezione con via Don Franchini) e la località di Colombarone (Oasi), per una distanza complessiva di circa 1,5 km. I lavori prevedono la posa della fibra ottica per portare il segnale sia radio che fibra dove attualmente non è presente, e l’installazione di cinque telecamere. Questo intervento offrirà anche la possibilità, in un futuro prossimo, di coprire l’area con segnale wi-fi pubblico, del quale beneficeranno sia i residenti che i visitatori dell’Oasi.

Sarà inoltre attivata una nuova gestione del centro visite all’interno dell’Oasi di Colombarone, in convenzione con una o più associazioni locali, per la promozione di attività pubbliche rivolte a tutti i target di età. Il centro visite, infatti, è aperto al momento solo su richiesta per attività didattiche o ricreative. In questo modo, si pensa anche di risolvere il problema del parcheggio, che negli ultimi anni purtroppo è stato oggetto di diversi furti alle auto in sosta. Qui, infatti, molte persone provenienti anche da fuori Comune si recano per passeggiate a piedi o in bicicletta, lungo il percorso natura che costeggia il fiume Secchia.

Infine, il finanziamento regionale permetterà di proseguire le attività dello Sportello “Non da soli”, avviato nel 2019 presso il comando di Polizia locale. Attraverso questo servizio è possibile ottenere l’erogazione di contributi per le spese sostenute a seguito di furti nelle proprietà private o in auto (ad esempio per riparare infissi o inferriate) e scippi, il supporto nella duplicazione di documenti (carta d’identità, patente di guida, passaporto, permesso/carta di soggiorno, codice fiscale), indirizzamento al sostegno psicologico. Ovviamente è necessario presentare allo sportello la denuncia sporta all’autorità di pubblica sicurezza, nonché la documentazione relativa alle spese sostenute.