Home Fiorano Street art a Fiorano Modenese

Street art a Fiorano Modenese

Nel territorio di Fiorano Modenese sono stati realizzati in questi anni diversi murales da collettivi e street artist per ‘raccontare’ la comunità fioranese.

Nei mesi scorsi sono stati mappati da Paolo Rolando Roli, che, con un grande lavoro volontario e gratuito, ha creato un percorso ‘virtuale’ (ma non solo) su Modena Street Art per gli appassionati di questo genere di arte, che va da Modena, fino a Fiorano Modenese, coprendo tutto il Distretto Ceramico e toccando anche la sponda reggiana.

Un percorso ‘artistico’ all’aperto che si può fare camminando le vie della città, anche in questi mesi di distanziamento, perché Roli, non solo ha fotografato e mappato le opere dei writes, ma dove è stato possibile, ne ha anche spiegato il significato.

Per quanto riguarda il Comune di Fiorano Modenese, molte informazioni sono state reperite dal sito dedicato al turismo (www.fioranoturismo.it).

Street art a Fiorano ModeneseTra le opere principali presenti sul territorio troviamo la ‘Madonna delle due età della vita’, del Collettivo FX, realizzata sul muro della scuola d’infanzia Coccapani e visibile dal giardino d’inverno dagli anziani ospiti della Casa di riposo. Nasce da un progetto-ricerca che ha posto al centro l’immagine materna della Beata Vergine del Santuario di Fiorano, il ‘mondo di sopra’ tratto dai ricordi degli anziani e il ‘mondo di sotto’ dei racconti dei bambini.

Il percorso prosegue con i murales omaggio all’artista e scultore sardo Pinuccio Sciola, che ebbe con Fiorano un legame speciale; le sue ‘pietre sonore’ sono sparse sul territorio e visitabili nel Percorso Pinuccio Sciola, che include anche due murales a lui dedicati da Andrea Casciu, sul lato di Palazzo Astoria, e dal Collettivo FX sulla scala ingresso al parco di Villa Pace.

In piazzetta Angelo Vassallo un’altra opera del Collettivo FX, questa volta dedicata a Gianni Franchini, fioranese d’adozione. Di fronte il murale che raffigura il ‘Sindaco pescatore’, realizzato dagli studenti del liceo Formiggini di Sassuolo, nell’ambito del progetto ‘We Care’ di GAL – Generazione Legale

La mappa segnala poi altre opere a Casa Corsini, in via Statale n. 83 a Spezzano: la Piovra di Zamoc – alias Luca Zanni e Donna con lambrusco e gazze di Mao e Sam, frutto di un altro progetto GAL.

Infine c’è il bocciodromo comunale di Spezzano, che si presenta come un’unica opera d’arte dedicata al tema Sport e natura, creata da diversi artisti italiani, durante la V° edizione del jam street ‘Cemento vivo’ a luglio 2019.

Ma la mappatura riguarda anche opere di artisti sconosciuti presenti sul territorio, come i murales della scuola Francesca Bursi a Spezzano, sviluppati da alcuni ragazzi e la loro insegnante per abbellire la scuola tra il 2016 e il 2018. A breve poi il percorso di street art di Fiorano Modenese si arricchirà con una nuova opera, presso la scuola media Leopardi, frutto del laboratorio sviluppato nel mese di dicembre con i cittadini nell’ambito della terza edizione del progetto ‘Vista sull’Europa’.