Home Politica Risposta all’interrogazione del PD sul controllo di vicinato

Risposta all’interrogazione del PD sul controllo di vicinato


# ora in onda #
...............




Risposta all’interrogazione del PD sul controllo di vicinatoLa terza interrogazione discussa nel corso del Consiglio Comunale di ieri sera era a firma di Maria Savigni e Serena Lenzotti, Partito Democratico, avente ad oggetto: “Attuale situazione dei gruppi del controllo di vicinato”.

“Nel consiglio comunale del marzo 2016 – si legge nell’interrogazione – veniva presentato da partito democratico un Odg che impegnava la giunta a istituire il cosiddetto “controllo di vicinato”. Al termine della precedente legislatura, i gruppi attivati risultavano 35, distribuiti nel territorio di Sassuolo, per un totale di circa 800 volontari coinvolti. Si chiede quanti siano attualmente i gruppi attivi, e la loro distribuzione nel territorio. Se si sono effettuati incontri con i referenti, di formazione o aggiornamento, durante l’attuale legislatura”.

 

Ha risposto il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani.

“L’attuale situazione del progetto denominato “ Controllo di vicinato” è così delineato:

  • Totale gruppi di vicinato al 24 novembre 2022: n. 64
  • Totale referenti: n. 124
  • Totale operatori di Polizia Locale: n. 8 + 1 Coordinatore
  • Totale complessivo dei cittadini coinvolti:  n. 1434

 

È possibile delineare, a seconda delle zone in cui il territorio comunale è suddiviso, un ulteriore specifica:

ZONA A:

  • Gruppi di vicinato n. 13
  • Referenti n. 26
  • Cittadini coinvolti n. 443 (escluso referenti)

ZONA B:

  • Gruppi di vicinato n. 19
  • Referenti n. 39
  • Cittadini coinvolti n. 229 (escluso referenti)

ZONA C:

  • Gruppi di vicinato n.12
  • Referenti n. 26
  • Cittadini coinvolti n. 658

ZONA D:

  • Gruppi di vicinato n. 20
  • Referenti n. 33
  • Cittadini coinvolti n. 104 (escluso referenti)

E’ inoltre in fase di organizzazione il calendario degli incontri con i referenti dei vari gruppi a partire da gennaio 2023. Si precisa che causa emergenza COVID tali incontri non si sono tenuti negli anni precedenti”.